giovedì 26 marzo 2020

Antonio Moresco / Fiaba Bianca





Antonio Moresco
FIABA BIANCA

C'è un nonno che ogni giorno va a prendere a scuola la sua nipotina. La tiene per mano e l'accompagna a casa raccontandole storielle divertenti. Niente di strano, se non che il nonno Stucco è morto ormai da tempo e la piccola Bianca è l'unica a vederlo. Comincia così una storia d'infanzia e di vecchiaia, d'amore e di paura, di abitudine e di stupore. Antonio Moresco, autore dei Canti del caos e La lucina, sa cosa vuol dire crescere in un cono d'ombra, in compagnia di un mostro spietato: la solitudine di fronte al male, un orco che ci divora quando non siamo più in grado di essere bambini. Aiutato dal segno evocativo di Nina Bunjevac, Moresco ha creato una fiaba che emozionerà i lettori più giovani e toglierà il sonno agli adulti.




domenica 22 marzo 2020

Coronavirus in Italia, 53.578 casi positivi e 4.825 morti. Il bollettino del 21 marzo

Venecia, 2020



Coronavirus in Italia, 53.578 casi positivi e 4.825 morti. Il bollettino del 21 marzo

I dati della Protezione civile aggiornati al 21 marzo

di Redazione online

21 marzo 2020 (modifica il 21 marzo 2020 | 18:49)


Coronavirus in Italia, 53.578 casi positivi e 4.825 morti. Il bollettino del 21 marzo
shadow
In Italia, dall’inizio dell’epidemia di Coronavirus, 53.578 persone hanno contratto il virus Sars-CoV-2 (6.557 in più rispetto a ieri, per una crescita del 13.9%). I dati sono stati forniti dalla Protezione civile. Di queste, sono decedute 4.825 (+793, +19.7%) e 6.072 sono guarite (+943, + 18.4%) . Attualmente i soggetti positivi sono 42.681 (il conto sale a 53.578 — come detto sopra — se nel computo ci sono anche i morti e i guariti).
Qui gli esperti spiegano quanto tempo servirà per capire se le restrizioni funzionano, qui invece quali sono le previsioni riguardanti il picco. Questa è la mappa del contagio in Italia.
I pazienti ricoverati con sintomi sono 17.708; 2.857 sono in terapia intensiva, mentre 22.116 sono in isolamento domiciliare fiduciario.
Regione per Regione
Lombardia 25.515 (+3.251, 14.6%)
Emilia Romagna 6.705 (+737, +12.3 %)
Veneto 4.617 (+586, +14.5 %)
Piemonte 3.752 (+291, +8.4 % )
Marche 2.153 (+172, +8.7 % )
Liguria 1.436 (+215, +17.6 %)
Campania 844 (+95, +12.7 %)
Toscana 2.012 (+219, +12.2 %)
Sicilia 490 (+82, +20.1 %)
Lazio 1.190 (+182, +18.1 %)
Friuli Venezia-Giulia 790 (+134, +20.4 %)
Abruzzo 529 (+80, +17.8 %)
Puglia 675 (+94, +16.2 % )
Umbria 462 (+67, +17%)
Bolzano 621 (+73, +13.3 %)
Calabria 235 (+28, +13.5 %)
Sardegna 330 (+37, +12.6 %)
Valle d’Aosta 313 (+49, +18.6 %)
Trento 782 (+140, +21.8%)
Molise 61 (+11, +22%)
Basilicata 66 (+14, +26.9%)
I dati provincia per provincia

Lombardia
Bergamo 5.869
Lodi 1.693
Cremona 2.733
Brescia 5.028
Milano 4.672
Pavia 1.194
Mantova 842
Lecco 818
Monza e Brianza 1.084
Varese 359
Como 452
Sondrio 179
In fase di definizione/aggiornamento: 592
Emilia Romagna
Piacenza 1.693
Parma 1.014
Rimini 826
Modena 906
Reggio nell’Emilia 977
Bologna 610
Ravenna 287
Forlì-Cesena 269
Ferrara 123
Veneto
Padova 1.155
Treviso 806
Venezia 666
Verona 954
Vicenza 572
Belluno 212
Rovigo 68
In fase di definizione/aggiornamento: 184

Piemonte
Torino 1.680
Alessandria 654
Asti 166
Novara 330
Biella 182
Vercelli 210
Cuneo 265
Verbano-Cusio-Ossola 149
In fase di definizione/aggiornamento: 116

Marche
Pesaro e Urbino 1.186
Ancona 564
Macerata 238
Fermo 82
Ascoli Piceno 50
In fase di definizione / aggiornamento: 33

Toscana

Firenze 451
Lucca 307
Massa Carrara 256
Siena 133
Pisa 211
Pistoia 181
Livorno 120
Arezzo 136
Grosseto 106
Prato 111

Lazio

Roma 893
Latina 136
Frosinone 59
Viterbo 72
Rieti 24
In fase di definizione/aggiornamento 6

Campania
Napoli 463
Caserta 106
Salerno 126
Benevento 11
Avellino 124
In fase di definizione/aggiornamento 14


Liguria
Genova 561
Savona 173
Imperia 155
La Spezia 94
In definizione / aggiornamento 453

Friuli Venezia Giulia

Trieste 270
Udine 338
Gorizia 38
Pordenone 144

Sicilia
Catania 189
Agrigento 36
Palermo 63
Messina 70
Siracusa 43
Enna 27
Ragusa 8
Trapani 27
Caltanisetta 27

Puglia

Foggia 190
Bari 194
Lecce 103
Brindisi 94
Barletta-Andria-Trani 32
Taranto 35
In fase di definizione/aggiornamento: 27

Trentino Alto Adige

Trento 782
Bolzano 
621

Abruzzo

Pescara 302
Chieti 91
L’Aquila 31
Teramo 
105

Umbria

Terni 115
Perugia 329
In fase di definizione/aggiornamento: 18


Molise
Campobasso 49
Isernia 4
In fase di definizione/aggiornamento: 8

Sardegna

Cagliari 45
Nuoro 22
Oristano 4
Sassari 251
Sud Sardegna 8

Valle d’Aosta
Aosta 313
Calabria

Cosenza 50
Catanzaro 38
Reggio di Calabria 84
Vibo Valentia 
11
Crotone 50
In fase di definizione/aggiornamento: 2

Basilicata

Potenza 58
Matera 8



Articolo in aggiornamento...






lunedì 16 marzo 2020

Nazareno Giusti / Il sergente è ancora nella neve





Nazareno Giusti
Il sergente è ancora nella neve


Nazareno Giusti (Barga, Lucca, 1989 - Firenze, 2019) lo scorso 26 maggio, a Reggio Emilia, ha ricevuto il premio «Rino Albertarelli» come «miglior giovane autore italiano» dall’Associazione nazionale amici del fumetto italiano. Al Museo Mallé di Dronero (Cuneo) sino al 30 settembre, le tavole del suo fumetto Non muoio neanche se mi ammazzano (Hazard, 2012) sono esposte accanto ai disegni originali di Giovannino Guareschi nella mostra Storie dal Mondo Piccolo al Mondo Grande.





domenica 15 marzo 2020

Wilbur Smith / l’incipit de «Il fuoco della vendetta»



Wilbur Smith: l’incipit de Wilbur Smith: l’incipit de «Il fuoco della vendetta»

Esce il 16 marzo per HarperCollins il nuovo capitolo della saga dei Courtney: in India, a Madras, nel 1754 due fratelli, Theo e Constance, stanno per scoprire il mondo e la vita

Fort St George, Madras, India, 1754.


I due ragazzi si arrampicarono sul muro per poi lasciarsi cadere nel giardino. L’aria della sera era pervasa dal profumo estivo di fiori di gelsomino e dell’olio di cocco che bruciava nelle lanterne. Lunghe ombre li tennero nascosti mentre si avvicinavano furtivi alla villa. Erano fratello e sorella. La ragazza, la primogenita, portava i lunghi capelli biondi sciolti sulla schiena, anche se presto, data l’età, le sarebbe stato richiesto un maggior decoro. Il sole indiano le aveva reso la pelle dorata. Aveva le curve di una donna, ma un morbido viso da ragazzina, pieno di malizia.


«Perché siamo venuti qui, Connie?», le chiese lui. Pur avendo un anno meno della sorella era più alto, cosa di cui andava molto fiero. Era di corporatura robusta e stava cominciando già ad assumere l’aspetto dell’uomo che sarebbe diventato. Aveva capelli rossi arruffati, vivaci occhi castani e un incarnato più scuro di quello della sorella, di un color bronzo, che poteva farlo passare per indiano come per europeo.



Wilbur Smith con Tom Harper,«Il fuoco della vendetta», traduzione di Sara Caraffini, in uscita il 16 marzo per HarperCollins, pp. 506, euro 22

Constance si accovacciò dietro un’anfora di terracotta. «Mr Meridew ha organizzato una riunione. Per soli uomini».


«Ma sarà la festa più noiosa del mondo», si lamentò Theo. «Vecchi che parlano del prezzo del cotone per tutta la sera».

«Non sono venuti per parlare d’affari. Ho saputo dalla mia acconciatrice, che l’ha saputo dalla sorella, la cui cugina fa la cuoca nella villa, che Mr Meridew ha ingaggiato una compagnia di giovani ballerine di natch. Mi hanno detto che sarà un evento così scandaloso che in pratica gli uomini non hanno parlato d’altro per tutta la settimana».


«Vuoi entrare di nascosto per vedere cosa fanno?». «Tu no?». «Certo, ma…». Theo non era un codardo, però era dotato di senso pratico. Per esperienza personale sapeva che se fossero stati colti in flagrante sarebbe stato lui il bersaglio della rabbia paterna.

Gli occhi verdi di Constance scintillarono. «Ti sfido», dichiarò. «Si dice che le ballerine di natch siano le donne più belle del mondo. Presto sarai maggiorenne, non sei curioso di vedere i misteri delle forme femminili?». Theo deglutì. La sorella era vestita secondo la moda indiana, fasciata da un sari dai colori accesi drappeggiato sulle spalle. Aveva imparato alla perfezione a destreggiarsi con la complessità dell’indumento, che le aderiva ai contorni del corpo consentendole una totale libertà di movimento. Sotto non portava niente, eppure poteva vantare un vitino più sottile di molte donne che si strizzavano in corsetti rigidissimi e busti di stecche di balena. I suoi giovani seni gonfiavano il tessuto.

CORRIERE DELLA SERA




FICCIONES

DRAGON






sabato 14 marzo 2020

Wilbur Smith, ecco il nuovo romanzo / «Il fuoco della vendetta»




Wilbur Smith, ecco il nuovo romanzo: «Il fuoco della vendetta» 

Esce per HarperCollins un nuovo capitolo della saga dei Courtney, scritto con Tom Harper. Si parte dall’India nel 1754: è la storia di due fratelli fra tre continenti



di Carlo Baroni
13 marzo 2020 

Il mondo dovrebbe essere così. Un quaderno con su scritto i nomi dei buoni e dei cattivi. E una riga a dividerli come un fossato pieno di coccodrilli voraci. I buoni nascono buoni. Di solito anche belli. Coraggiosi, di sicuro. I cattivi possono avere sembianze avvenenti, ma è una maschera per nascondere infingardaggine, slealtà, menzogna. I buoni li riconosci a prima vista, con i cattivi ci metti di più. Perché sono maestri nell’arte nel dissimulare sentimenti e intenzioni. Ti invidiano perché sei buono. Non vogliono diventare come te, solo renderti peggiore, un cinico della vita.



Wilbur Smith con Tom Harper,«Il fuoco della vendetta», traduzione di Sara Caraffini, in uscita il 16 marzo per HarperCollins, pp. 506, euro 22
Wilbur Smith con Tom Harper,«Il fuoco della vendetta», traduzione di Sara Caraffini, in uscita il 16 marzo per HarperCollins, pp. 506, euro 22

Nei libri d’avventura il mondo è davvero così. E Wilbur Smith è un maestro nel disegnarlo. Il fuoco della vendetta, scritto con Tom Harper, è il nuovo capitolo della saga dei Courtney. Un viaggio in tre continenti senza bisogno di jet transoceanici. Anche perché la vicenda si svolge nel XVIII secolo. Un tempo spartiacque. Dove il prima e il dopo non sono solo avverbi di tempo. Si annusa l’aria del cambiamento. A qualcuno dà alla testa. E non è solo perché sta per tramontare l’epoca delle parrucche (anche per gli uomini). Theo e Constance sono fratello e sorella. Di più, sono anche amici. Si vogliono bene, si stimano. Il buon sangue dei Courtney non mente. Dentro ci scorre il meglio delle qualità britanniche: il senso del dovere, la correttezza, il rispetto della parola data. Che a elencarle così ti viene da pensare a persone perbene ma così noiose che non ci faresti le vacanze insieme. Ma ci pensa il tocco di Wilbur Smith a scuotere il ritratto. Già, perché i Courtney sono anche abili affaristi, tombeur de femmes sopraffini, spregiudicati e persino spietati secondo le necessità. Simpatiche canaglie, insomma. Impossibile non immedesimarsi con uno di loro. Peccato che succeda solo tra le righe del libro...

Theo e Constance vivono nell’India coloniale, a Madras. La ragazza è più avanti. Non solo di età. Sveglia come chi non è nata in un posto qualunque. I genitori, Mansur e Verity, ne avrebbero tante da raccontare. A cominciare dal nome. Mansur più che nelle tragedie di Shakespeare si trova nei racconti de Le mille e una notte. Infatti ha anche sangue omanita. E ai figli ha insegnato che la diversità, anche di etnia, è una ricchezza. Poi Theo odierà i francesi, ma questa è un’altra storia. Anche se tutto nasce da lì. Da una scaramuccia spacciata per guerra, inglesi e sudditi di re Luigi che si tirano schioppettate dall’altra parte del mondo, poi una ragazzata da adolescenti (guardare la battaglia dai tetti) e la tragedia. Theo e Constance perdono i genitori e finisce in un lampo l’età dell’innocenza. L’India dei sapori speziati, dei sari sgargianti, dei mille misteri diventa il buco nero degli incubi indelebili. I due fratelli si stringono ancora di più ma sarà la cattiveria a dividerli. Il male ha un nome: quello del cugino Gerrard. Un Courtney anche lui, per dire che da una buona pianta può crescere anche il veleno.



Theo finisce in America che non è ancora Stati Uniti, ma un Paese che ti riempie gli occhi e il cuore. Sulla costa orientale, colonizzata dai Padri pellegrini. Villaggi dove la legge è quella del fondamentalismo religioso, e l’«attrazione» la gogna al centro della piazza. Sembra di stare tra le pagine de La lettera scarlatta di Nathaniel Hawthorne. Un’America oscura e meravigliosa, terra di opportunità e di insidie. Un luogo dove i nativi americani sono quelli descritti da Alexis de Tocqueville e fanno paura. Ma è anche il luogo dove Theo incontra Abigail e il ragazzo si fa uomo senza bisogno che qualcuno gli spieghi come. Non è solo per l’amore, a forgiarlo sono le ingiustizie. Una via l’altra. Una collana di perle amare che sembra soffocarlo. Viene «adottato» da una tribù di abenachi diventa uno di loro, anche se è un altro. Trova una sposa, forse un figlio. E anche l’odio che non si dissolve mai. Lo insegue dentro gli anfratti della vita. Odio invincibile. Cattiveria senza fine. Che arriva fino a toglierti il bene più caro. Anche più della vita stessa. Quello che ti obbliga alla vendetta. Solo per il gusto di farla pagare ai tuoi aguzzini. Ma deve passare per questa strada, anche quando è certo che sia finito tutto. E così Constance, lontana una vita ormai. E appesantita dall’odio per un fratello che crede l’abbia tradita. Nonostante le parole e i giuramenti. Per lei è ancora piu dura. Donna in un mondo di uomini. Sola. Anche quando ha un uomo al fianco. Che accanto a lei diventa un comprimario fastidioso. Una zavorra più che una spalla. Qualcuno da trascinare, da compatire. Invece Constance è persino capace di farsi seppellire viva e poi risorgere. Anche lei è una Courtney.

CORRIERE DELLA SERA





FICCIONES

DRAGON



venerdì 13 marzo 2020

Coronavirus, si ferma la Bologna Children’s book fair



Coronavirus, si ferma la Bologna
Children’s book fair

Annullata l’edizione di quest’anno. L’appuntamento già fissato ad aprile 2021


Severino Colombo
11 marzo 2020 (modifica il 11 marzo 2020 | 21:15)

Quest’anno non si terrà la Bologna Children’s book fair. L’edizione 2020 della fiera del libro per l’infanzia, prevista inizialmente tra fine marzo e inizio aprile e poi spostata a maggio, è stata definitivamente annullata. L’annuncio è stato dato mercoledì 11 marzo da BolognaFiere, che organizza l’evento; oltre alla 57ª edizione della Bologna Children’s book fair è stata annullata anche la concomitante Bologna Licensing trade fair, la fiera dedicata alle licenze.

La diffusione dell’epidemia del Coronavirus a livello nazionale e internazionale non permette secondo gli organizzatori alcuna ottimistica prospettiva sullo svolgimento della manifestazione, tra le più importanti del settore a livello mondiale. «Per la Bologna Children’s book fair — ha dichiarato Antonio Bruzzone, direttore generale di BolognaFiere — in cui il 90% degli espositori viene dall’estero era impensabile proporre un evento al quale i nostri interlocutori non avrebbero potuto partecipare con la necessaria tranquillità e con quel clima di amicizia e collaborazione che caratterizza questa grande comunità internazionale che ogni anno si ritrova a Bologna»

Già prima dell’annuncio ufficiale molti editori, soprattutto inglesi e americani (Penguin Random House, Simon & Schuster, DK Publishing) avevano dato forfait per l’edizione 2020 della fiera. Infine, sono già state fissate le date per l’edizione 2021 che si terrà a Bologna dal 12 al 15 aprile.

CORRIERE DELLA SERA